spadello in cucina

Blog

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Zuppa di Salmone

Il totale bianco della Lapponia era ovunque e con esso c'era lui che attraversava le strade, i boschi e i mari: Jack Frost,lo conoscete?

Jack Frost è il protagonista del cartone animato le 5 leggende, un super eroe, ogni suo piccolo gesto ricopriva di ghiaccio argentato ogni superfice. Per me la Lapponia rappresenta questo: l'argento più prezioso e il bianco più puro che abbia mai visto in tutta la mia vita. Quel bianco è un rito, una magia che genera grande ispirazione per i migliori film e cartoni animati. Credo che viaggiare non sia semplicemente, conoscere la storia, fotografare e ammirare paesaggi, per me viaggiare è sinonimo di cibo. E' nel cibo che si percepisce la magia, attraverso il cibo i paesaggi prendono profondità. Vedere in lontananza un pescatore seduto che cerca di appigliare all'amo il suo pescione, grosso e spesso è pura meraviglia.

Vi presento una zuppa che scalda il cuore: Zuppa di salmone

per prima cosa preparate un fumetto di salmone con gli scarti del pesce.

ingredienti per il fumetto

un porro

una cipolla bianca

olio extravergine d'oliva

sale

finocchietto

pepe

scarti del pesce.

preparazione

Rosolate la cipolla e il porro, aggiungete le lische e lasciatele tostare, aggiungete il finocchietto, il pepe e infine un litro d'acqua. Salate, lasciate cuocere per 60 minuti a fuoco basso e poi filtrate il tutto.

Ingredienti per la zuppa

1 patata

1 carota

1 costa di sedano

un cucchiaino di besciamella

finocchietto

una foglia di alloro

pepe di Nepal

sale

olio extravergine d'oliva

un filetto di salmone

Preparazione

Tagliate le verdure a pezzetti regolari, rosolate in padella antiaderente con un giro d'olio , aggiungete il finocchietto e l'alloro. Unite il fumetto e lasciate cuocere le verdure a fuoco basso. A metà cottura aggiungete il cucchiaino di besciamella, il pepe Nepal e il sale.Nel frattempo tagliate a dadi spessi 2cm il salmone e tenetelo da parte. Quando le verdure saranno quasi cotte aggiungete il salmone, lasciate cuocere 5 minuti. Servite la zuppa calda e buon Appetito

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Autore: Ferrara Cristina

Sono una ragazza con tante risorse, molta voglia di mettermi in gioco e condividere con gli altri le mie passioni e creazioni, rafforzando così anche la mia autostima. Ho accolto con entusiasmo la proposta di Assindustria Venetocentro e sono lieta di contribuire alla realizzazione degli obiettivi del progetto: Talent for food di Aifb, il primo food contest in Italia dedicato alle eccellenze agroalimentari del Veneto e ai prodotti della cucina veneta.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Quando L'estate avanza, le ricette in cucina diventano magicamente fresche, leggere, colorate e gradevoli. Sulla base di questo pensiero si sviluppa la mia nuova idea. Un gazpacho di pesche e peperoni che esalta il gusto di un gambero cotto in oliocottura al profumo di lavanda. In questa ricetta notiamo due cose importanti: una nuova tecnica "l'oliocottura" e l'origine di una delizia andalusiana: il Gazpacho.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ciao amici come promesso, oggi condividerò per voi la mia pizza e le sue fasi di lievitazione e cottura. Faremo una pizza 24 ore di lievitazione, vediamo insieme come prepararla:

Ingredienti per 5 panelli da 220 gr

640 gr di farina ( 320 0 e 320 tipo 1)

390 gr di acqua da frigo

15 gr di sale

1,6 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di miele

Procedimento

Scogliete il lievito nell'acqua insieme al miele, aggiungete le farine setacciate, (in modo tale che incorporano aria), aggregate gli ingredienti e aggiungete il sale.  Impastate per circa 30 minuti sul banco. realizzate il folding all'impasto ovvero: premete con un pugno al centro della pasta e allargatela leggermente con i polpastrelli, sovrapponete in due l'impasto in modo tale che si ossigeni e poi pirlate ovvero arrotondate facendo girare tra le mani o sul piano di lavoro l'impasto dando una forma sferica, in questo modo si da una crescita regolare all'impasto durante la lievitazione; attendete 15 minuti e ripetete questa operazione per tre volte. Terminati i 45 minuti riponete l'impasto nella ciotola coperto dalla pellicola bucherellata e ponetelo in frigo per 18 ore; vi consiglio di preparare l'impasto la sera prima per il giorno dopo. Trascorso il tempo spezzate l'impasto stando attenti a non rompere la lievitazione e pesate ogni panetto circa 220 gr l'uno. Pirlate i panetti e lasciateli raddoppiare per circa 6 ore a 20°. Trascorso il tempo di lievitazione stendete la pizza schiacciando dal centro verso l'esterno e allargandovi tenendo il bordo alto. Per un maggior chiarimento sulla stesura guardate il video sulla mia pagina INSTAGRAM @spadelloincucina. IMG 2526 1 min

 

Ponete la pizza su una teglia leggermente unta e conditela con passata di pomodoro e un filo d'olio collocatela sul fuoco basso e lasciatela dorare; nel frattempo portate a temperatura alta il forno della cucina modalità grill, mettete la mozzarella di bufala sulla pizza e ponetela in forno lasciando dorare il bordo.

 

 

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Cari amici, dopo diversi tentativi e studi intuitivi ho cercato di scavare sempre di più  nella mia memoria, ero piccola e quelle parole risuonano continuamente nella mia testa: 

“il pane non deve essere duro”,

“impastate e ascoltate il pane, avvertite le bolle d’aria? 

"La farina di grano ammorbidisce l’impasto".

Queste sono le parole di mia nonna  e il suo pane,piccoli aneddoti meditati, una  ricetta che non si trova nei libri di cucina, che un tempo era la merenda del pomeriggio, adesso è memoria e profumo. Tradizioni che resistono coriacee come arbusti sulla roccia.

Seguimi sui social