spadello in cucina
Blog

Lumaconi Pasta Armando

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Cari lettori di Spadello in Cucina, oggi voglio deliziare il vostro palato con una ricetta che concede il benvenuto alla mia stagione preferita: “l’autunno”. Si tratta di una creazione molto versatile e sfiziosa. Un entrée, un antipasto oppure un finger food? Come dicevo, si presta benissimo per diverse occasioni.

Per realizzare questa ricetta ho utilizzato la pasta regina delle cucine: “Lumaconi pasta Armando” trafilati al bronzo. L’originalità di questo prodotto è garantita dalla qualità del grano 100% italiano, il patto di filiera tra gli agricoltori e il pastificio Armando e la meravigliosa lavorazione del grano nel mulino di proprietà annesso al pastificio. Anche lo chef Alessandro Borghese nella sua cucina sceglie esclusivamente Pasta Armando

Nome del piatto: “Lumaconi pasta Armando con cotechino e gelatina di melograno”.

Ingredienti

3 lumaconi Pasta Armando

Una fetta di cotechino precotta

1 melograno

2 cucchiaini di agar agar

Sale

Olio di semi di arachide

Preparazione

Per prima cosa cuocete i Lumaconi Pasta Armando in abbondante acqua salata a piacere, scolateli 5 minuti prima del termine della cottura. Una volta scolati, posizionateli su un canovaccio pulito e lasciateli asciugare. Nel frattempo immergete il cotechino imbustato in acqua e portate a cottura per circa 20 minuti, successivamente estraetelo dal sacchetto e affettatelo formando dei cubetti. Sgranate il melograno e centrifugate i chicchi. Versate i due cucchiaini di agar agar nel succo di melograno e portate a bollore. Ponete il succo di melograno in un formina per il ghiaccio e lasciate raffreddare in maniera tale che diventi compatto e solido. Portate l’olio di semi di arachide alla temperatura di 210 gradi e friggete la pasta. Impiattate farcendo la pasta di cotechino, ritagliate dei cubetti precisi e affiancateli alla farcia, aggiungete qualche chicco di melograno e sgranocchiate con le mani.

Se ti è piaciuta, condividi questa ricetta sui social

Seguimi sui social