spadello in cucina

Blog

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ciao amici come promesso, oggi condividerò per voi la mia pizza e le sue fasi di lievitazione e cottura. Faremo una pizza 24 ore di lievitazione, vediamo insieme come prepararla:

Ingredienti per 5 panelli da 220 gr

640 gr di farina ( 320 0 e 320 tipo 1)

390 gr di acqua da frigo

15 gr di sale

1,6 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di miele

Procedimento

Scogliete il lievito nell'acqua insieme al miele, aggiungete le farine setacciate, (in modo tale che incorporano aria), aggregate gli ingredienti e aggiungete il sale.  Impastate per circa 30 minuti sul banco. realizzate il folding all'impasto ovvero: premete con un pugno al centro della pasta e allargatela leggermente con i polpastrelli, sovrapponete in due l'impasto in modo tale che si ossigeni e poi pirlate ovvero arrotondate facendo girare tra le mani o sul piano di lavoro l'impasto dando una forma sferica, in questo modo si da una crescita regolare all'impasto durante la lievitazione; attendete 15 minuti e ripetete questa operazione per tre volte. Terminati i 45 minuti riponete l'impasto nella ciotola coperto dalla pellicola bucherellata e ponetelo in frigo per 18 ore; vi consiglio di preparare l'impasto la sera prima per il giorno dopo. Trascorso il tempo spezzate l'impasto stando attenti a non rompere la lievitazione e pesate ogni panetto circa 220 gr l'uno. Pirlate i panetti e lasciateli raddoppiare per circa 6 ore a 20°. Trascorso il tempo di lievitazione stendete la pizza schiacciando dal centro verso l'esterno e allargandovi tenendo il bordo alto. Per un maggior chiarimento sulla stesura guardate il video sulla mia pagina INSTAGRAM @spadelloincucina. IMG 2526 1 min

 

Ponete la pizza su una teglia leggermente unta e conditela con passata di pomodoro e un filo d'olio collocatela sul fuoco basso e lasciatela dorare; nel frattempo portate a temperatura alta il forno della cucina modalità grill, mettete la mozzarella di bufala sulla pizza e ponetela in forno lasciando dorare il bordo.

 

 

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Cari amici, dopo diversi tentativi e studi intuitivi ho cercato di scavare sempre di più  nella mia memoria, ero piccola e quelle parole risuonano continuamente nella mia testa: 

“il pane non deve essere duro”,

“impastate e ascoltate il pane, avvertite le bolle d’aria? 

"La farina di grano ammorbidisce l’impasto".

Queste sono le parole di mia nonna  e il suo pane,piccoli aneddoti meditati, una  ricetta che non si trova nei libri di cucina, che un tempo era la merenda del pomeriggio, adesso è memoria e profumo. Tradizioni che resistono coriacee come arbusti sulla roccia.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Cari lettori e curiosi culinari, oggi condivido per voi e insieme a voi la ricetta del simbolo della festa del papa:  LE ZEPPOLE, vediamo insieme come prepararle

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Cari lettori del mio blog, voglio introdurre questa ricetta con uno scritto di Steve Jobs: creatività significa semplicemente collegare le cose. Quando chiedi a persone creative come hanno fatto qualcosa, si sentono quasi in colpa perché non l’hanno fatto realmente, hanno solo visto qualcosa e, dopo un po', tutto è sembrato chiaro. Qesto perché sono stati capaci di collegare le esperienze vissute e sintetizzarle in nuove cose…

Seguimi sui social